DEVO SOSPENDERE LA CURA FARMACOLOGICA DURANTE IL CICLO DI TRATTAMENTI? DEVO SOSPENDERE LA PSICANALISI DURANTE IL CICLO DI TRATTAMENTI?


No! Lo Shiatsu non è pratica medica! Lo shiatsuka (il praticante) non è un medico e non può di certo interferire nel rapporto medico-paziente. Ma se anche fosse un medico, nel momento in cui svolge il ruolo di operatore shiatsu non deve per ovvi motivi di ordine deontologico intromettersi tra il medico ed il suo paziente.

Lo Shiatsu è sempre sinergico a qualsiasi terapia medica in corso e non intralcia ma anzi sostiene il recupero della persona dal momento che agisce sulla parte sana delle persone malate (e sulla parte sana delle persone sane!).

Anche in caso di psicanalisi le cose non cambiano. Anzi. Il connubio tra psicoterapia e Shiatsu è tra i più proficui.


L’ultima parola comunque spetta sempre al medico o allo psicoterapeuta: queste figure professionali possono chiedere al paziente di sospendere o non intraprendere cicli di trattamenti Shiatsu. Anche se per esperienza questo fatto accade assai raramente, mentre invece è vero l’esatto contrario, ovvero che si consigli vivamente la sinergia con lo Shiatsu.